Vai all´Onlineshop

HOTLINE: +49 7243-33560

„Le Mans“ il Film

Da più di 40 anni dopo la Premiere nel giugno 1971 il Film “Le Mans”, è ancora uno tra i migliori film di corse automobilistiche di tutti i tempi. Già la sola scena iniziale fatta di motori sonanti, caos, e pneumatici fumanti è un capolavoro. E a chi non viene la pelle d'oca guardando la tre colori Porsche 917 che accelera su una delle parti più famose del circuito, la Tertre Rouge, è meglio che guardi Film di Rosamunde Pilcher o deve aver confuso l'acqua con il vino!

A tutto Gas, a 380 km/h

Forse “Le Mans” è cosi formidabile, perchè Steve McQueen,the King of Cool, di cui si disse: “He looked more like a racing driver than any racing driver” guidava personalmente con tanta passione auto e moto, e la  dura reazione della critica e del pubblico al film  poco importava, e nella sua tuta ignifuga sul set si limitava a dire “That's it”.

Si conosce ancora oggi il perfezionismo estremo di Steve Mcqueen. Una delle scene cruciali del Film con protagoniste la Ferrari 512 e la 917, doveva essere girata a pieno regime, a 380 km/h. “Con pochi km meno sarebbe stato più facile ma Steve ha insistito che andassimo a tutto gas” disse l'ex pilota Porsche Herbert Linge, che sostituiva temporanemente McQueen.

Per la società cinemaografica fu uno sforzo gigantesco la produzione del Film in quell'estate del 1970. Steve McQueen prestò attenzione ad ogni minimo dettaglio come nella scelta delle tute da gara. Chiese il modello identico a quello di Joe Siffert, bianco con le strisce rosse e blu e il logo Gulf arancione.

Una scatola di 20 orologi Heuer

Jo Siffert procurò e affittò alla Solar per 5.000 dollari a settimane le vetture per il Film. Non appena la casa Svizzera d'orologeria sentì che McQueen aveva optato per la tuta di Siffert, dove era cucito sopra un grande Patch “Heuer Chronograph” si adoperò subito. Fu Siffert che chiamò appunto Jack Heuer dicendo che sarebbe stato opportuno se gli attori, e soprattutto il protagonista, avessero potuto indossare una delle creazioni della Casa Svizzera.

Jack Heuer non se lo fece ripetere due volte. Commissionò a Gerd-Rùdiger Lang, di prendere una scatola con 20 orologi Heuer e di portarla a Le Mans. Lang, che a quel tempo lavorava per Heuer e successivamente fondò a Monaco di Baviera il marchio Chronoswiss, si precipitò con la sua Alfa Spider a Biel, prese la scatola e proseguì sulla via della Sarte.

Anche per la Gulf Oil il Film Le Mans è stata una fortuna, perchè né prima né dopo la storia del Film ha avuto un Product Placement cosi presente e positivo.

Dopo l'uscita del Film “Le Mans”, ci fu un vero e proprio assalto alle giacche Gulf e ai suoi accessori. Ognuno voleva apparire cool come “the King of Cool”! Il film “Le Mans” diede un grande impulso al marchio “GRANDPRIX ORIGINALS”, che produsse le sue Racingjacket oldschool (all'inizio per un totale di 50 pezzi). Anche nel 2003 volevano così in tanti apparire come Steve, che riproducemmo di nuovo le epiche giacche in quantità numerosa. Ancora oggi questa storia “passata” è  baciata dalla fortuna ed è in voga anche adesso, nei tempi moderni, e si sviluppa in tutto il mondo. Tutto ciò si racchiude nel nostro “Drive and Lifestyle” che potete guardare anche qui online.

GRANDPRIX ORIGINALS è a livello mondiale esclusivo licenzatario nel segmento abbigliamento e accessori, senza il nostro consenso nessuno può usare il Logo Gulf.

Tempo fa, per caso, arrivammo a conoscere un avvocato di Monaco, che era in possesso degli scatti ufficiali del set di “Le Mans”. Comprammo quindi da lui una scatola contenente foto, lettere e una piccola parte di sceneggiatura scritta non menzionata nel Film.

Le migliori foto sono state ingrandite e migliorate a livello di qualità. Le copie potete acquistarle online per € 29.00.

© 2006 - 2018 Grandprix Originals by Dakota | All Rights Reserved